Punti di riflessione (ultima parte)

Punti di riflessione (ultima parte)

Europeo: passivo, remissivo, pacifista… un morto che cammina Stoccolma, Svezia, “grande” esempio d’ingegneria sociale etnomasochista. In una conferenza interculturale, una come tante, alcuni zelanti servi dell’integrazione vorrebbero comprendere quanto, tra autoctoni e allogeni importati, si sia verificato quel processo osmotico di omologazione culturale, tanto caro al mondialismo. Le vestali del politically correct decidono quindi, niente meno, di proiettare scene omosessuali…

Share
Continue Reading »

Aung San Suu Kyi; la fine di una stella del pacifismo

Aung San Suu Kyi; la fine di una stella del pacifismo

Poco nota in Italia, o nella maggior parte dell’Europa continentale, una vera e propria icona invece nel mondo anglosassone che, fino a non molto tempo fa, le tributava grandi salamelecchi, financo il Nobel per la pace, ottenuto nel 1991, per il suo essere stata all’epoca un’incarnazione dell’idealismo libertario, e la ventennale leader/martire della causa per la democrazia in Myanmar (ex…

Share
Continue Reading »

Che fine ha fatto? (rubrica estiva degli argomenti dispersi)

Che fine ha fatto? (rubrica estiva degli argomenti dispersi)

Oggi, per la nostra rubrica estiva, proporremo un concetto che fino a qualche anno fa campeggiava sui balconi delle nostre città, e che ci sembra ormai decisamente derubricato a semplice fenomeno estemporaneo, legato più che altro agli occasionali attentati terroristici che avvengono ciclicamente in Europa, e a poco altro. PACE Vocabolo pregno di significati, anche positivi, divenuto più che altro…

Share
Continue Reading »